Benefici impatriati allungati anche a chi si è trasferito prima del 30 aprile 2019

Benefici impatriati allungati anche a chi si è trasferito prima del 30 aprile 2019

Benefici impatriati allungati anche a chi si è trasferito prima del 30 aprile 2019 669 446 Studio Infranca

di Giorgio Infranca e Pietro Semeraro

Con la Legge di Bilancio per il 2021, è stata prevista la possibilità di usufruire dell’allungamento temporale del regime fiscale dei lavoratori impatriati previsto dall’art. 16 DLgs 147/2015, nella versione modificata dall’articolo 5 DL 34/2019 (cd. decreto crescita 2019), anche ai soggetti che hanno trasferito la residenza in Italia prima del 30 aprile 2019 e che, alla data del 31 dicembre 2019, risultano beneficiari del suddetto regime di favore.

In particolare, tali soggetti possono – su opzione – scegliere di estendere per cinque periodi d’imposta l’operatività del predetto regime di favore, alle condizioni di legge, (di cui al comma 1, lettera c) dell’articolo 5 del decreto-legge n. 34 del 2019) previo versamento di:

a) un importo pari al dieci per cento dei redditi agevolati e relativi al periodo d’imposta precedente a quello di esercizio dell’opzione, se il soggetto al momento dell’esercizio dell’opzione ha almeno un figlio minorenne, anche in affido preadottivo, o è diventato proprietario di almeno un’unità immobiliare di tipo residenziale in Italia, successivamente al trasferimento in Italia o nei dodici mesi precedenti al trasferimento, ovvero lo diventi entro diciotto mesi dalla data di esercizio dell’opzione, pena la restituzione del beneficio addizionale fruito, senza l’applicazione di sanzioni. L’unità immobiliare può essere acquistata direttamente dal lavoratore oppure dal coniuge, dal convivente o dai figli, anche in comproprietà.

b) un importo pari al cinque per cento dei redditi agevolati, relativi al periodo d’imposta precedente a quello di esercizio dell’opzione, se il soggetto al momento dell’esercizio dell’opzione ha almeno tre figli minorenni, anche in affido preadottivo e diventa o è diventato proprietario di almeno un’unità immobiliare di tipo residenziale in Italia, successivamente al trasferimento in Italia o nei dodici mesi precedenti al trasferimento, ovvero lo diventi entro diciotto mesi dalla data di esercizio dell’opzione di cui al presente comma, pena la restituzione del beneficio addizionale fruito senza l’applicazione di sanzioni. L’unità immobiliare può essere acquistata direttamente dal lavoratore oppure dal coniuge, dal convivente o dai figli, anche in comproprietà.

In data 3 marzo 2021, è stato pubblicato il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate con l’indicazione delle modalità attuative.

Secondo il suddetto provvedimento, l’opzione per il prolungamento è subordinata al versamento in unica soluzione di un importo pari a :

–          10% dei redditi prodotti in Italia, relativi al periodo d’imposta anteriore a quello di esercizio dell’opzione, se il soggetto al momento dell’opzione ha almeno un figlio minorenne o è diventato proprietario di almeno un immobile residenziale in Italia (l’acquisto può essere effettuato fino a 18 mesi successivi all’esercizio dell’opzione);

–          5%  dei redditi prodotti in Italia, relativi al periodo d’imposta anteriore a quello di esercizio dell’opzione, se il soggetto al momento dell’opzione ha, cumulativamente, almeno 3 figli minorenni ed è diventato proprietario di almeno un immobile residenziale in Italia (l’acquisto può essere effettuato fino a 18 mesi successivi all’esercizio dell’opzione).

Il versamento deve avvenire con modello F24, senza possibilità di operare compensazioni (con successiva risoluzione verrà comunicato il codice tributo da utilizzare).

Il versamento del “prezzo” dell’opzione deve avvenire entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di conclusione del “primo periodo di fruizione dell’agevolazione”. 

Sul punto, non è chiaro cosa intenda l’Agenzia delle Entrate per “primo periodo di fruizione dell’agevolazione”; dovrebbe riguardare il primo quinquennio agevolato e non il primo anno solare di godimento del beneficio. 

La norma non interviene sui presupposti di accesso al regime fiscale di favore (i.e., periodo di residenza estera pregressa, natura/mansione dell’attività di lavoro in Italia post trasferimento, etc.) e sulla misura della detassazione.

Pertanto, per i soggetti rientrati prima del 30 aprile 2019, dovrebbero rimanere invariate le (meno agevoli) condizioni di accesso al regime e la (meno favorevole) misura della detassazione (50%) previste dall’art. 16 del D.Lgs. 147/2015 nella versione vigente prima delle modifiche apportate dal decreto crescita.

Sotto questo punto di vista, la novità, seppur apprezzabile, appare monco, posto che sarebbe stato ragionevole, in conformità agli artt. 3 e 53 Cost, estendere ai soggetti rientrati prima del 30 aprile 2019 anche la più favorevole misura della detassazione (70%).



Preferenze Cookies

Quando si visita questo sito, è possibile che le informazioni nel browser vengano memorizzate da servizi specifici, in genere sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza utente e sui servizi che questo sito è in grado di offrire. Leggi la Privacy Policy per avere informazioni circa i tuoi dati personali raccolti.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Questo sito utilizza i cookies per ottimizzare l'esperienza utente, principalmente da servizi di terze parti. Definisci le tue preferenze e/o acconsenti al nostro uso dei cookie.