Regime degli impatriati «a geometria variabile

Regime degli impatriati «a geometria variabile

Regime degli impatriati «a geometria variabile 150 150 Studio Infranca

di Giorgio Infranca e Pietro Semeraro

La circolare n. 33/2020 in tema di lavoratori impatriati, con cui l’Agenzia delle Entrate ha fornito la propria interpretazione dell’art. 16 del DLgs. 147/2015 nella sua versione applicabile dopo le modifiche apportate dal DL 34/2019, fornisce l’occasione per mettere ordine in una disciplina sempre più stratificata. Il DL 34/2019 (decreto “crescita”), infatti, è intervenuto sull’art. 16 citato, già in vigore dall’anno 2016, rafforzando l’agevolazione e semplificandone i requisiti d’accesso.

In particolare, il decreto ha stabilito che, per i trasferimenti effettuati dal 30 aprile 2019, il beneficio è concesso ai lavoratori che si trasferiscono in Italia e che:
– non siano stati residenti in Italia nei 2 anni precedenti;
– si impegnino a risiedere in Italia per almeno 2 anni;
– prestano attività lavorativa prevalentemente in Italia.
Al soddisfacimento delle condizioni, il reddito prodotto in Italia concorre alla formazione del reddito complessivo in misura pari al 30% (con esenzione, quindi, del 70%).

La circolare n. 33/2020 ha però chiarito che l’esenzione del 70% è applicabile, a oggi, solo ai lavoratori trasferitisi a partire dal 3 luglio 2019; per coloro che si sono trasferiti fra il 30 aprile 2019 e il 2 luglio 2019, invece, l’esenzione del 70% è subordinata all’emanazione del decreto attuativo del “Fondo controesodo”, restando, nelle more, la possibilità di applicare l’esenzione nella misura del 50%. L’esenzione, inoltre, si estende al 90% per i lavoratori che si siano trasferiti in una delle regioni del Sud Italia.

Per gli sportivi professionisti, invece, vale un discorso a parte, poiché – sempre stando alla circolare – l’esenzione del 50% non sarebbe applicabile in assenza del decreto attuativo relativo al contributo straordinario dello 0,5%.

Il DL 34/2019, poi, sempre per i trasferimenti effettuati dal 30 aprile 2019, ha previsto la possibilità di ottenere l’estensione dell’agevolazione per ulteriori 5 anni (con riduzione del beneficio al 50%, rispetto al 70% ordinario) a condizione che i lavoratori acquistino un immobile residenziale in Italia o abbiano un figlio minore a carico (in caso di lavoratori con almeno 3 figli minori la percentuale di esenzione è del 90%)…

Leggi l’intero articolo

Per sapere di più, contattaci



Preferenze Cookies

Quando si visita questo sito, è possibile che le informazioni nel browser vengano memorizzate da servizi specifici, in genere sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza utente e sui servizi che questo sito è in grado di offrire. Leggi la Privacy Policy per avere informazioni circa i tuoi dati personali raccolti.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Questo sito utilizza i cookies per ottimizzare l'esperienza utente, principalmente da servizi di terze parti. Definisci le tue preferenze e/o acconsenti al nostro uso dei cookie.