Gravità delle violazioni negli appalti al netto di sanzioni e interessi

Gravità delle violazioni negli appalti al netto di sanzioni e interessi

Gravità delle violazioni negli appalti al netto di sanzioni e interessi 150 150 Studio Infranca

di Giorgio Infranca e Pietro Semeraro


Il DL 76/2020 (c.d. decreto “Semplificazioni”), in corso di conversione al Senato (Atto n. 1883) ha riproposto la modifica all’art. 80, comma 4 del DLgs. 50/2016, già inserita nel DL 32/2019, poi abrogata, con cui si prevedeva l’esclusione dalle procedure di appalto pubblico a fronte di irregolarità tributarie e contributive non definitivamente accertate.

In particolare, la lett. b) dell’art. 8, comma 5 del DL 76/2020 modifica l’art. 80 del DLgs. 50/2016 sostituendo il quinto periodo del comma 4, prevedendo la facoltà della stazione appaltante di poter escludere un operatore economico dalla partecipazione a una procedura d’appalto qualora la medesima stazione appaltante sia a conoscenza e possa adeguatamente dimostrare che lo stesso non abbia ottemperato agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse o dei contributi previdenziali non definitivamente accertati, qualora tale mancato pagamento costituisca una grave violazione ai sensi rispettivamente del secondo o del quarto periodo del vigente comma 4 citato.

L’art. 80 comma 4 del DLgs. 50/2016 fornisce le definizioni di violazioni “gravi”.
Per violazione grave deve intendersi, con riferimento alle violazioni di carattere tributario, quelle che comportano un omesso pagamento di imposte e tasse superiore all’importo di cui all’art. 48-bis commi 1 e 2-bis del DPR 602/73 mentre, con riferimento alle violazioni di carattere contributivo, quelle ostative al rilascio del DURC, di cui al DM 30 gennaio 2015.
Ne consegue che assumono rilevanza ai fini dell’esclusione dalle gare d’appalto le violazioni di carattere tributario di importo superiore a 5.000 euro (soglia modesta che sembra porsi in contrasto con il principio di proporzionalità).

È già stato rilevato (si veda “Riproposta l’esclusione dagli appalti per irregolarità tributarie non definitive” dell’11 luglio 2020) quali siano i potenziali effetti devastanti per le imprese della norma così congegnata e si sono proposti suggerimenti volti a contemperare gli interessi in gioco. Si auspicano, dunque, interventi migliorativi in sede di conversione del DL.

Un elemento sul quale pare opportuno porre l’attenzione attiene al concetto di “gravità” delle violazioni tributarie, con riferimento alla domanda se, ai fini del superamento della fatidica soglia di 5.000 euro, debbano essere considerati anche gli interessi e le sanzioni.
Il tenore letterale del quinto periodo del comma 4 dell’art. 80 del DLgs. 50/2016 (sia nella nuova versione sia in quella antecedente al DL 76/2020) lega l’esclusione dagli appalti all’inottemperanza agli obblighi relativi al pagamento di “imposte” e “tasse” e pertanto, ai fini del computo, non dovrebbero, in linea teorica, rientrare né le sanzioni né gli interessi..

Leggi l’intero articolo

Per saperne di più, contattaci



Preferenze Cookies

Quando si visita questo sito, è possibile che le informazioni nel browser vengano memorizzate da servizi specifici, in genere sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza utente e sui servizi che questo sito è in grado di offrire. Leggi la Privacy Policy per avere informazioni circa i tuoi dati personali raccolti.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Questo sito utilizza i cookies per ottimizzare l'esperienza utente, principalmente da servizi di terze parti. Definisci le tue preferenze e/o acconsenti al nostro uso dei cookie.