Esclusione dalle gare d’appalto perirregolarità tributarieun déjà-vu normativo

Esclusione dalle gare d’appalto per irregolarità tributarie un déjà-vu normativo

Esclusione dalle gare d’appalto per irregolarità tributarie un déjà-vu normativo 150 150 Studio Infranca

di Giorgio Infranca, Francesco Soprano e Pietro Semeraro

Potrebbe sintetizzarsi così la giravolta normativa con cui il legislatore è tornato a modificare il testo dell’art. 80, co. 4, DLgs. 50/2016 (cd. “codice degli appalti pubblici e dei contratti di concessione”) riproponendo la causa di esclusione degli operatori economici dagli appalti pubblici per irregolarità tributarie non definitive, già introdotta e rapidamente abrogata poco più di un anno fa.

Ma, anzitutto, ricomponiamo brevemente il mosaico normativo.

L’art. 8, co. 5, lett. b), DL 76/2020 (cd. “decreto semplificazioni”) ha modificato l’art. 80, co. 4 del DLgs. 50/2016[2], ovvero la norma che prevede l’esclusione degli operatori dalle gare d’appalto a fronte di irregolarità “gravi” e “definitivamente accertate”, sancendo la facoltà (e non l’obbligo) per le stazioni appaltanti di escludere gli operatori economici dalle gare, a fronte dell’adeguata dimostrazione che gli stessi non abbiano ottemperato agli obblighi relativi al pagamento di imposte, tasse e contributi previdenziali, anche se – e questo è il punto nodale – le inottemperanze, pur sempre gravi[3], non siano state definitivamente accertate.

L’art. 8 del “decreto semplificazioni” ripropone in via pressocché pedissequa la modifica all’art. 80, co. 4, DLgs. 50/2016 già introdotta lo scorso anno dal DL 32/2019, con cui era stata prevista – per la prima volta – la facoltà per le stazioni appaltanti di escludere un operatore economico per irregolarità tributarie non definitive[4].

La disciplina era stata introdotta con il Decreto Sblocca Cantieri (DL 32/2019) a seguito dell’apertura di una procedura di infrazione della Commissione europea per mancato recepimento delle direttive sugli appalti e concessioni[5].

Come già rilevato in dottrina[6] e dagli stessi operatori[7] con riferimento alle modifiche introdotte lo scorso anno, la normativa nuovamente introdotta (seppur con lievi differenze) ripropone i medesimi dubbi di legittimità costituzionale, oltre che di opportunità politico-economica, limitando in modo significativo non solo le prerogative e i diritti di accesso alle procedure ad evidenza pubblica, ma anche il diritto di difesa delle imprese…




Preferenze Cookies

Quando si visita questo sito, è possibile che le informazioni nel browser vengano memorizzate da servizi specifici, in genere sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza utente e sui servizi che questo sito è in grado di offrire. Leggi la Privacy Policy per avere informazioni circa i tuoi dati personali raccolti.

Click to enable/disable Google Analytics tracking code.
Click to enable/disable Google Fonts.
Click to enable/disable Google Maps.
Click to enable/disable video embeds.
Questo sito utilizza i cookies per ottimizzare l'esperienza utente, principalmente da servizi di terze parti. Definisci le tue preferenze e/o acconsenti al nostro uso dei cookie.